Con il patrocinio del

partenariato

partenariato

Concorso TDA per il restauro dell’architettura: I vincitori della 3° edizione

CENTRO STORICO PONTEMANCO - DUE CARRARE (PD)
Centro storico Pontemanco . Due Carrare (PD)

Sono andati ad Aviano (Pordenone), Casacanditella (Chieti), Noale (Venezia), Vigonza (Padova), Vicenza e Pontemanco-Due Carrare (Padova) i premi della 3° edizione del Concorso nazionale per il Restauro dell’Architettura TDA “Tradizione Devozione Ambizione”. La Commissione Giudicatrice ha selezionato due vincitori ex aequo e una menzione per la categoria Dimore Storiche, un vincitore assoluto e una menzione per la categoria Edifici di Culto e un vincitore assoluto per la categoria Aree Pubbliche.

Protagonisti del Premio sono stati i beni culturali cosiddetti “minori”, che rappresentano la grandissima maggioranza del nostro patrimonio: secondo l’UNESCO, l’Italia vanta il maggior numero di siti – ben 47 – inclusi nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, 3.609 musei, 5.000 siti culturali, 46.025 beni architettonici vincolati, 12.609 biblioteche, 34.000 luoghi di spettacolo.

“Tutelarli, conservarli e recuperarli – commenta il Presidente UNPLI Padova e ideatore del Premio Fernando Tomasello – permette a tutti di vivere e scoprirne in pienezza il valore e di sottolinearne l’importanza per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del Paese. Le Pro Loco da sempre sono impegnate in prima linea per tutelare e promuovere le ricchezze materiali e immateriali custodite nel nostro territorio e rendere viva la cultura, l’espressione più alta dell’anima di un luogo”.

Proponiamo ai nostri Lettori i due progetti relativi alla sezione Edifici di Culto. Vincitore è risultato il Chiostro dell’ex Convento di Santa Margherita a Vigonza (PD), proponente Don Cornelio Boesso, Progettazione: Arch. Massimo Benetollo | Studio Associato Arch. M. Benetollo e P. Menegus

CHIOSTRO CONVENTO DI SANTA MARGHERITA - VIGONZA (PD)
Chiostro dell’ex Convento di Santa Margherita a Vigonza (PD)

La Giuria ha inoltre assegnato una Menzione alla Chiesa Romanica di S. Giorgio Martire a Vicenza, proponente Arch. Angela Blandini

Chiostro dell’ex Convento di Santa Margherita a Vigonza (PD)

Intervento: L’edificio religioso rappresentava un presidio del territorio tipico dell’epoca medievale (attorno all’anno 1000) che ne fa l’edifico più antico del territorio di Vigonza. L’intervento ha ripristinato la funzionalità  perduta a causa un incendio occorso negli anni 2000 e recuperato all’uso e  fruizione pubblica di un bene che giaceva in completo abbandono. Il restauro si  è svolto con le tecniche proprie della disciplina, con il recupero, ove possibile, di tutte le strutture o parti lignee danneggiate dall’incendio, con l’inserimento di elementi di recupero in sostituzione di quelli andati perduti e l’utilizzo di elementi di rinforzo in acciaio in alcune circostanze determinate. Gli interventi realizzati, che comprendono anche un nuovo corpo di fabbrica contenente la scala con elementi di architettura moderna che si accostano all’esistente con “delicatezza”, hanno reso nuovamente fruibile il monumento, oggi adibito a uffici parrocchiali, sala riunioni e spazi espositivi.

CHIESA ROMANICA DI S. GIORGIO MARTIRE - VICENZA
Chiesa Romanica San Giorgio Martire

Chiesa Romanica di S. Giorgio Martire a Vicenza
Progettazione: Arch. Conservatore Angela Blandini, Ing. Gabriele Zorzetto, Arch. Marta Scaggiari Intervento: è una delle chiese più antiche del Vicentino che, dopo la parziale distruzione durante la Seconda Guerra Mondiale, aveva subito un lento ed inesorabile processo di decadimento. Il progetto di restauro e del minimo intervento, che dev’essere reversibile e mantenere autentici le strutture e i materiali che costituiscono il complesso edilizio. In particolare l’intervento ha interessato le murature esterne con pulizia, consolidamento superficiale, ristilatura delle porzioni appartenenti alla ricostruzione postbellica; l’interno, con la rimozione completa degli intonaci cementizi lasciando la
superficie muraria al vivo, il consolidamento delle fasce sommitali decorate,  blanda pulitura e restauro o integrazione dei giunti; la copertura, con il consolidamento degli elementi lignei; il restauro della pavimentazione.

TDA è un concorso ideato e organizzato dal Comitato Provinciale UNPLI Padova  con il finanziamento della Regione Veneto ed il contributo di SanMarco – Terreal Italia ed Etra, che premia i migliori interventi di restauro architettonico inteso come recupero e conservazione del patrimonio in funzione della restituzione dei beni alla comunità.

Info: www.concorsotda.it

Condividi articolo
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Articoli correlati

Ultimo numero di thema

BACHECA THEMA

Newsletter Themaprogetto.it

Rimani aggiornato su tutte le attività del portale e della rivista THEMA

error: Avviso:Questo contenuto è protetto