Con il patrocinio del

partenariato

partenariato

Dai muri ai passaggi. Una mostra sulla cultura ebraica

L’arte esperita attraverso diversi sensi. Non solo la vista, ma il tatto. Il Museo Tattile di Ancona offre un’esperienza importante per i non vedenti, ma nuova e significativa anche  per i vedenti. La tematica del muro, elemento che separa e confina, diviene testimonianza di un approccio diverso, che parla di comprensione e permeabilità. Un messaggio che è proprio delle religioni, di ogni religione…

Mostra multisensoriale a cura di Andrea Sòcrati

Intraprendere un viaggio attraverso le millenarie e ricchissime suggestioni della cultura ebraica per condurci alla riscoperta di una dimensione alternativa a quella del contingente e del quotidiano, capace per un attimo di svelare l’incanto del mondo. Si chiama appunto, “PASSAGGI – Le parole dell’umanità attraverso la cultura ebraica”, l’unica grande installazione che dal 31 agosto, invita ad una partecipazione attiva e diretta di visitatori e turisti, appunto di passaggio nel porto della città, dalle pietre vanvitelliane della Mole.

Una mostra del Museo Tattile Statale Omero in collaborazione con la Comunità Ebraica di Ancona

Il Muro occidentale, Kotel in ebraico, conosciuto come il Muro del pianto, è uno dei luoghi più sacri e importanti di Gerusalemme e di Israele. Lì gli ebrei si recano per pregare, per esprimere i loro desideri e i loro pensieri più intimi. E’ lì che la parola diviene soglia, luogo di incontro tra fisico e spirituale, tra umano e divino. E quindi non è più solo lògos, ma diviene pragma, fatto, gesto, corpo, percezione che passa attraverso tutta la nostra sensorialità.
Un grande patchwork di stoffa, (non una barriera), ci accoglie e vuole essere attraversato, per accompagnarci metaforicamente in quel viaggio interiore necessario per raggiungere una possibile differente dimensione, una quarta dimensione che metta il “mondo sottosopra”, dando spazio al sogno e all’immaginazione. Questo si propone l’installazione ideata e realizzata da Andrea Sòcrati, titolata appunto, Passaggi. La forza spirituale e mistica del Muro occidentale viene espressa attraverso le sculture di Sòcrati in terracotta e gesso e una serie di termografie a rilievo; mentre una seconda serie di termografie e installazioni rievocano il fantastico e visionario mondo di Marc Chagall.

Quattro artisti di Gerusalemme portano in mostra la terra, i suoni, gli umori di Israele, con quattro opere:
Chana Cromer, The Distaff Side, ispirato a “La donna di carattere” dal Libro dei Proverbi, in tema con la XV edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica (14 settembre 2014); Ruth Schreiber, Love letters, lettere in porcellana con ispirate alle lettere lasciate nelle fenditure del Muro occidentale di Gerusalemme; Andi Arnovitz, Construct/Destruct. attraverso mattoni serigrafati con e sulle pietre della città vecchia ricorda il Tempio di Salomone; Neta Elkayan, artista tra musica e arti figurative, audio dal titolo Abuhatzeira, dedicato al rabbino El Yaakov Abuhatzeira.

Oltre agli artisti provenienti da Gerusalemme, due artisti che lavorano nelle Marche intervengono con incontri aperti al pubblico per raccontarsi e presentare le loro opere: Giulietta Gheller (11 ottobre ), Francesco Colonnelli (23 ottobre).

L’adozione per alcune opere in mostra dalla tecnologia NFC, oltre ad esaltarne la multisensorialità favorirà l’accessibilità alle persone con disabilità, come nello spirito e nella missione del Museo Omero.

La mostra è inserita nel calendario del Festival Adriatico-Mediterraneo, con il sostegno dell’Ambasciata Israeliana di Roma e in collaborazione con la Biennale di Arte Ebraica Contemporanea di Gerusalemme e l’Associazione “Per il Museo Tattile Statale Omero” Onlus e si svolge con il contributo del Servizio Civile Nazionale e del Servizio Volontario Europeo.

Info:

Periodo: 31 agosto – 14 dicembre 2014.
Orari: dal 31 agosto al 15 settembre: dal martedì al venerdì ore 18 – 22; sabato e domenica ore 10 – 13; 18 – 22.
dal 16 settembre al 14 dicembre: dal martedì al sabato 16 – 19; domenica e festivi 10 – 13 e 16 – 19.

Ingresso libero.

INFO
Museo Tattile Statale Omero
Banchina Giovanni da Chio 28
60121 Ancona
tel. 071 28 11935 – fax 071 28 18 358
email: info@museoomero.it

part. Marc Chagall Il tempo è un fiume senza rive (1930-39)
part. Marc Chagall Il tempo è un fiume senza rive (1930-39)
Condividi articolo
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Articoli correlati

Ultimo numero di thema

BACHECA THEMA

Newsletter Themaprogetto.it

Rimani aggiornato su tutte le attività del portale e della rivista THEMA

error: Avviso:Questo contenuto è protetto