I restauri nella chiesa di Sant’Agata nel Carmine a Bergamo

3327

Progetto, gestione e fund raising curati da “Marco Paolo Servalli e Adele Sironi Architettura”. Il 22 settembre 2012 fu presentata l’iniziativa di raccolta fondi per il restauro della chiesa di Sant’Agata nel Carmine e l’intervento relativo al primo lotto di lavori : consolidamento strutturale della chiesa, verifica e messa in sicurezza degli stucchi dell’abside, messa in sicurezza dell’impianto e abbattimento delle barriere architettoniche con l’installazione di una piattaforma elevatrice. Dopo quasi due anni, grazie anche al contributo di nuovi sponsor, si sono conclusi altri due lotti di lavori che hanno ulteriormente migliorato lo stato di degrado in cui versava la chiesa. Nel luglio 2014 è stato presentato al pubblico lo stato di avanzamento dei lavori nel secondo e terzo lotto di intervento.

Il secondo lotto d’intervento ha riguardato la manutenzione del manto di copertura (al fine di eliminare le infiltrazioni di acqua piovana), il consolidamento della volta della prima campata e il restauro della Cappella del Sacro Cuore di Gesù, presa come cappella campione, nella quale sono stati riportati alla luce i colori risalenti al XVIII sec. Grazie a un contributo della “Fondazione Bergamasca” è stato possibile restaurare anche le sei tele contenute nella cappella, tra cui la “Composita Madonna con Bambino e Santi” tela composta da tre diverse tele cucite tra di loro e realizzate da tre diversi pittori : Chiara Salmeggia, Gianpaolo Cavagna e Giovanni Brini. Un progetto di manutenzione programmata, sempre a cura dagli architetti Marco Paolo Servalli e Adele Sironi, ha visto coinvolti in un corso di formazione alcuni volontari che si prenderanno cura della chiesa.

Il terzo lotto d’intervento ha riguardato il restauro delle facciate laterali, della facciata principale e del campanile completando i lavori di sistemazione esterna dell’edificio. Le pietre quattrocentesche, del basamento della facciata principale, sono state pulite nella parte superiore della facciata e le antiche cromie (rinvenute con l’indagine stratigrafica) sono state velate al fine di armonizzarne il colore con il basamento in pietra, secondo le indicazioni della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Artistici. I prospetti laterali sono stati mantenuti con le pietre a vista, intervenendo con una stilatura (sostituzione della malta degradata) molto leggera.

Il costo dei due nuovi lotti è stato di circa 560.000 euro: il progetto completo prevede ancora l’eliminazione dell’umidità di risalita, il rifacimento del pavimento, il restauro degli apparati decorativi interni, l’installazione dei nuovi impianti elettrico, di riscaldamento, di diffusione sonora ed antintrusione. Un intervento impegnativo, che potrà essere portato a conclusione solo con il sostegno della collettività: fedeli, enti pubblici, imprese. Oltre alle formule tradizionali di sponsorizzazione, sono state organizzate alcune iniziative rivolte alla raccolta fondi per il restauro.

Lo Studio di Architettura Marco Paolo Servalli e Adele Sironi, specializzato in restauro e coordinatore dell’iniziativa, su incarico della Parrocchia di Sant’Alessandro Martire in Cattedrale, ha realizzato il primi tre lotti di intervento di restauro della chiesa, situata lunga la nota “corsarola” di Città Alta. A seguito dell’ottenimento della sponsorizzazione dalla Fondazione Cariplo, ha inoltre sviluppato un progetto di Fund Raising volto alla raccolta dei fondi per proseguire il restauro delle stessa e realizzato un manuale ed un corso di formazione al personale addetto alla chiesa di S.Agata la manutenzione programmata dell’edifico religioso.

 Il Progetto di Restauro, Fund Raising e Manutenzione Programmata per la chiesa di S.Agata nel Carmine, è stato premiato in occasione della prima edizione de ITALIAN HERITAGE AWARD © – Premio Internazionale per la Valorizzazione dei Beni Culturali –  nella sezione “Premio per la Conoscenza,Tutela e Gestione del Patrimonio Architettonico”.

 Le opere sinora concluse sono presentate al pubblico il 13 luglio alle h 10,00 , presso la chiesa di S.Agata nel Carmine, con al partecipazione del Vicario episcopale Mons. Davide Pelucchi, del Parroco Don. Fabio Zucchelli, degli architetti Marco Paolo Servalli e Adele Sironi, di Paola Moretti de “La Torre Restauri” (“Il restauro della cappella campione”), di  Francesco Colleoni de “Impresa Colleoni Pietro”  (“La manutenzione delle coperture e delle facciate”)

 Hanno contribuito  al restauro: Ufficio Beni Culturali CEI, Regione Lombardia, e diverse Fondazioni bancarie, Enti e Aziende.

La cappella del Sacro Cuore di Gesù: note storiche

(già S. Lucia e S. Maria Maddalena de Pazzi)

Dedicata a santa Lucia, verso la metà del Seicento la cappella era sotto il patronato delle famiglie Verzeri e Alessandri. Nel 1726, in contemporanea con la ristrutturazione generale del Tempio, fu adeguata seguendo un disegno architettonico unitario.

Di gusto barocchetto è la grande ancona in stucco con angeli laterali, attribuita a G. Sanz (Pasta, 1977), che coronava la pala di S. Lucia e S. Giovanni Battista di Giacomo Adolfi (Tassi, 1793).

A seguito della nomina a chiesa parrocchiale (1799) e della conseguente riorganizzazione delle titolazioni, questa cappella fu dedicata a

S. Maria Maddalena de’ Pazzi e ornata con la tela dello Sposalizio della santa (Marenzi, 1924).

Dopo la metà dell’Ottocento si pose la statua della B.V. del Buon Consiglio; del primo novecento è l’attuale dedicazione al Sacro Cuore di Gesù. Ai lati sono state collocate la pala di S. Teresa d’Avila (attr. a C. Salmeggia, Pinetti 1931) e una tela composita. La lapide in marmo con stemma Agosti proviene da altro sito.

Il progetto di Fund Raising

Affissione sulla facciata principale della chiesa Pannello interno con dettagli relativi al progetto per la raccolta fondi

Azioni per la raccolta fondi

• Iniziativa “Adotta una Cappella”

La chiesa di Sant’Agata nel Carmine presenta 12 cappelle laterali che necessitano di un urgente restauro.

Questa iniziativa prevede l’”adozione” da parte di associazioni, aziende o privati interessati a prendersi cura dell’intervento ndi recupero. Il contributo previsto per il restauro varia, da cappella a cappella, da 70.000 a 90.000 euro.

A ringraziamento il committente prevede una targa commemorativa nella cappella e la divulgazione sui mezzi di comunicazione.

• Raccolta e asta di arredi e quadri antichi

È possibile donare alla Parrocchia arredi antichi, quadri, oggetti o monili. Nei locali accessori alla chiesa verrà organizzata una vendita all’asta. I fondi raccolti verranno destinati al restauro.

• Utilizzo degli spazi del Seminarino

Gli spazi del Seminarino di Bergamo, sia interni che esterni, sono costituiti da 16 aule che si affacciano su uno splendido chiostro e da una sala teatro/cinema/conferenze per 300 persone. È possibile richiedere questi spazi in affitto per cerimonie, ricevimenti, conferenze, convention. I fondi raccolti contribuiranno al restauro.

• Icona della Madonna del Carmine realizzata dallo scultore Carlo Scarpanti

L’affermato scultore bergamasco Carlo Scarpanti ha realizzato un’icona della Madonna del Carmine.

È possibile contribuire al restauro acquistando questa icona al costo di 60 €.

 Creazione di una linea di magliette dipinte a mano sul tema dell’iconografia della chiesa

Le T-shirt verranno realizzate dai ragazzi dell’oratorio e vendute al costo di 15 €.

• Mattoncino della Madonna del Carmine

È stato creato un puzzle in mattoncini che presenta l’immagine della chiesa.

È possibile contribuire al restauro acquistando un mattoncino al costo di 5 € e ricomporre la raffigurazione completa.

• Candela della Madonna del Carmine

È stata realizzata una candela commemorativa della Madonna del Carmine.

È possibile contribuire al restauro acquistando una candela al costo di 5 €.

Come partecipare alla raccolta fondi

Per partecipare a una di queste iniziative è possibile contattare la Segreteria della Parrocchia al numero di tel. 035.271208

dalle ore 9,00 alle ore 11,00 nei giorni feriali; oltre a questi orari è in funzione la segreteria telefonica.

Per contribuire con una donazione è possibile effettuare un versamento intestato alla Parrocchia Sant’Agata nel Carmine, mettendosi in contatto con la Segreteria della Parrocchia. In alternativa è disponibile una Segreteria Organizzativa presso lo studio di architettura Marco Paolo Servalli e Adele Sironi

(tel. 035.2652112 da lunedì a venerdì negli orari 9,00-13,00 e 14,30-18,30).

 

Studio Di Architettura “Marco Paolo Servalli e Adele Sironi”, Bergamo

dservalli@servallisironi.it

ALBUM

scarica l’invito all’evento jpeg