Con il patrocinio del

partenariato

partenariato

Laura Marazzi ” 60 passi nell’arte a Castiglione Olona “

La prima parola che mi è venuta in mente, sfogliando 60 passi nell’arte a Castiglione Olona, la pubblicazione di Laura Marazzi per i tipi di Grossi editori, è stata ecumene, nella sua accezione di luogo dove tutti abitiamo. E non per un unico motivo. Questo breve libro, densissimo, che si deve anche alla gentilezza ed alla passione culturale di Elena Lucioni, si può leggere limitandosi a guardare le fotografie, di Franco Canziani, è già sarebbe molto interessante; ma si potrebbero leggere anche solo i titoli delle pagine, 60 + 1 in verità, e ci sarebbe l’occasione per soffermarsi a meditare. Poi ci sono le brevi citazioni proposte per ogni titolo, e qui davvero il termine ecumene si attaglia, perché non sono solo, come potremmo aspettarci, riflessioni colte nel mare della letteratura cristiana, no: per riflettere sulle immagini ed i titoli, sono stati proposti anche autori che potrebbero sembrare lontani, ma che, invece, sono vicinissimi allo spirito di questo libro. Ecco allora che accanto a sant’Ambrogio, a papa Francesco, al cardinal Carlo Maria Martini troviamo Cicerone e Sallustio, Pier Paolo Pasolini e Fabrizio De Andrè, Alda Merini e Cesare Pavese: una riflessione ecumenica, appunto: perché il bello è universale e riflettere su questo mare di bellezza, costituito dai monumenti di Castiglione Olona, anche quelli che non sono della parrocchia, è un piacere unico e vasto. Infine, ogni pagina ha una nota, breve, che spiega l’immagine proposta e la lega al momento ed alla storia in cui essa è nata.
Quattro percorsi di lettura, quindi. Ogni pagina si propone in forma circolare: l’occhio parte dall’immagine, dai colori delicati o forti, dai chiaroscuri dei particolari delle statue; poi va alla riflessione d’autore e poi al titolo, infine al commento storico artistico. Ma si può partire anche da un’altra angolazione: ognuna è valida e forte: unica, potremmo dire.E ogni pagina può essere aperta per una riflessione giornaliera, come una meditazione del bello, un ripasso della storia. un modo per aprire o chiudere un giorno di lavoro. Così come è stato pubblicata attraverso i social.
C’è anche un altro aspetto che non è secondo: quest’opera è nata, come recita il sottotitolo, appunti di bellezza per tempi difficili, come un momento per rafforzare il corpo e lo spirito nel tempo della malattia: un esacontamerone, termine assolutamente azzeccato nel richiamo al Decameron di Boccaccio ed all’Esamerone di sant’Ambrogio, da cui trarre una goccia di serenità ogni giorno: nei giorni di forzata chiusura della malattia.
L’ultima pagina, il sessantunesimo giorno, quel giorno in più, sono, ci sia permesso, il sublime e la dolcezza: l’immagine dell’interno della Collegiata con il rosone a sfondo, un richiamo alla Candida rosa, ove risiedono le anime dei beati nella visione dantesca.

E la parola fine, che è solo terrena, richiama gli ultimi versi del XXXIII del Paradiso, forse i più belli della letteratura italiana: “All’alta fantasia qui mancò possa/ ma già volgeva il mio disio e il velle/ ‘si come rota ch’igualmente è mossa/ l’Amor che move il sole e l’altre stelle.

 Prof. Ugo Marelli *

*Presidente dellAssociazione Borgo Antico di Castiglione Olona

 

 

crediti foto : Interno-Collegiata-con-rosone_Foto-Franco-Canziani

 

60 passi Castiglioni COP-b2-alta (1)

 

 

Condividi articolo
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Articoli correlati

Ultimo numero di thema

BACHECA THEMA

Newsletter Themaprogetto.it

Rimani aggiornato su tutte le attività del portale e della rivista THEMA

error: Avviso:Questo contenuto è protetto