Con il patrocinio del

partenariato

partenariato

“Sacralità del legno. Chiese di Helsinki”

A 500 metri dal museo Kiasma di Steven Holl e alla stessa distanza dalla Stazione Centrale di Helsinki di Eliel Saarinen, si trova piazza Narinkka, uno spazio pubblico molto frequentato: su uno sfondo di pietra scura si staglia un oggetto, dalla figura a uovo molto definita, completamente rivestito in legno di abete rosso, opportunamente curvato. E’ la cappella Kamppi, realizzata nel 2012 dallo studio K2S Architects (Kimmo Lintula, Niko Sirola, Mikko Summanen), sorta con obiettivi ecumenici.

Attraversando, tramite porte a vetri, la parete scura del volume che ospita gli spazi di servizio, si accede all’aula sacra e alla sacrestia, l’interno del guscio ligneo: a parte il pavimento, in pietra scura come la parete “fondale”, qui tutto è in legno, dalle pareti in tavole di ontano alle panche e al tavolo in legno massello, che costituisce il semplice altare. La copertura piana si stacca dalle pareti, disegnando un’asola curvilinea vetrata che permette alla luce di “lavare” le pareti e rischiarare lo spazio interno, che non ha aperture sulla piazza, e che si propone come luogo di silenzio e di pace.

Se dal pieno centro della città si esce verso il territorio, connotato da paesaggi di grande e nota bellezza, nell’isoletta di Laajasalo si incontra un campanile in cemento armato, solo in parte foderato in rame,che denuncia la presenza della chiesa progettata dagli architetti Kari Järvinen e Merja Nieminen, realizzata in seguito alla vittoria di un concorso a inviti del 2000, consacrata durante l’Avvento del 2003, vincitrice del premio finlandese per costruzioniin legno di alto livello del 2004 e del premio European Copper in Architecture nel 2005.

La sacrestia ha carattere autonomo, una piccola scatola incernierata alla chiesa sul lato del campanile, ed è rivestita in pietra secondo tagli tipici della modernità.

Le facciate che si mostrano sull’incrocio stradale sono invece rivestite interamente con doghe orizzontali di lamiera di rame patinato verde che costituiscono un guscio, in questo caso stereometrico, nel quale si dischiude l’aula sacra e la sala della congregazione, interamente rivestite in legno multistrato di pino e betulla, con pannelli fonoassorbenti in legno laminato e pavimento costituito da assi di pino trattato a olio.

Le strutture portanti sono in legno lamellare incollato: questo è stato reso possibile, malgrado le rigide normative di sicurezza anti-incendio, grazie all’installazione di un sistema di estinzione automatica.

Il cassettonato del solaio di copertura che sormonta la luminosa aula assembleare è realizzato con una struttura reticolare di travi di legno lamellare collegate da giunti e tiranti in acciaio: tra di esse scendono con eleganza e semplicità le lampade, che contrappuntano la luce naturale che entra comunque copiosa dalle alte finestre a nastro.

L’arredo, progettato da Jouko Järvisalo, è realizzato in olmo e tiglio in elementi a massello di piccole dimensioni; l’opera d’arte sfaccettata in ontano grigio e pioppo americano fa da sfondoall’altare in vetro satinato ed è statarealizzata su disegno di Pauno Pohjolainen. La barca votiva in carta è di Merja Winqvist.

Le opere parrocchiali hanno una grande dotazione di spazio: agli spigoli degli edificidel cortile si ergono delle piccole torri-faro. Il rivestimento orizzontale delle facciate della scuola e degli uffici è dipinto a olio nel tradizionale colore ocra rossa finlandese.

Un’altra chiesa di Helsinki che in questo periodo viene rivestita in legno sia all’interno che all’esterno è la chiesa evangelica luterana di Viikki,che fa parte della parrocchia di Malmi. Completata nel 2005, è stata progettata dall’architetto Samuli Miettinen di JKMM Architects, che l’ha già dettagliamente presentata su THEMA nel giugno del 2018:

“La facciata non trattata e invecchiata è stata rivestita con assicelle di pioppo con spaccature a vista segate sottilmente. Il rivestimento interno in abete è stato trattato con un lavaggio a base di liscivia, rendendolo facile da pulire. Gli elementi acustici del controsoffitto sono costituiti da elementi in legno pressato.”

Carlo Pozzi

Photos @ Carlo Pozzi

 

Condividi articolo
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Articoli correlati

Ultimo numero di thema

BACHECA THEMA