Con il patrocinio del

partenariato

partenariato

I LUOGHI MONASTICI | FUORI EXPO, CASABRUZZO

Il Centro Studi “Architettura e Liturgia” e la rivista di beni culturali ecclesiastici THEMA con il patrocinio della Fondazione Architetti di Chieti – Pescara è lieta di invitarvi l’1 e il 2 settembre alla mostra ed al percorso culturale dal titolo “I luoghi  monastici, presenze e segni nel territorio abruzzese”  nell’ambito del progetto “ fuori Expo – Casa Abruzzo”.

cartolina 10x15 retro MODIFICATA

La grande tradizione monastica di matrice benedettina per secoli insediatasi in Abruzzo ha generato non solo architetture, arti e saperi ma ha insegnato regole e organizzazione del lavoro che hanno lasciato un segno indelebile nel territorio, in particolare per quanto riguarda l’arte pratica dell’agricoltura e della pastorizia. “Ora, labora, lege, medita” la Regola ispiratrice che fervidamente è stata osservata,praticata e attuata dai monaci ogni giorno. “I benedettini furono gli agricoltori d’Europa” osservò lo statista francese Francois Guizot  associando agricoltura e predicazione.

Sulla scorta di questo inestimabile patrimonio che bisogna tramandare e divulgare, nasce l’idea di un progetto .

Le abbazie di San Liberatore a Maiella o di San Pelino a Corfinio, le chiese di Santa Maria Assunta a Bominaco o di Santa Maria in Valle Porclaneta a Magliano dei Marsi, l’interessante rete degli eremi e dei monasteri dei monaci celestiniani non furono solo dei centri di attrazione di vita spirituale e culturale, ma anche poli amministrativi di attività agricola, pastorale, artigianale che invitavano ad immergersi nella natura e a riscoprire pratiche dell’allevamento, prodotti e tecniche agricole che in essi venivano coltivati bonificando territori incolti o paludosi.

Agnelli, buoi, cervi o prodotti come farro,cereali, legumi o piante mediche ed officinali come valeriana, menta, liquirizia sono il segno di un passato che si è consolidato e che giunge ai nostri giorni e che trasposti a simboli sono diventati elementi scolpiti, dipinti e miniati poiché come dice Alano di Lilla “ogni creatura del mondo funge per noi da specchio della nostra vita, della nostra morte, della nostra condizione ed è segno fedele della nostra sorte».

Comitato scientifico della mostra:

Prof. arch. Claudio Varagnoli, don Antonio De Grandis, arch. Emanuele Cavallini, arch. Paola Renzetti, arch. Simona Valente

Collaborazione:

Michela Beatrice Ferri, Luca Stucchi, arch. Stefano Cecamore, arch. Nicola D’Intino

Dove e quando:

“I luoghi  monastici, presenze e segni nel territorio abruzzese”

1 – 2 settembre CASABRUZZO

Via Fiorichiari, 9 Brera MILANO

ore 10 – 23

 

Condividi articolo
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Articoli correlati

Ultimo numero di thema

BACHECA THEMA

Newsletter Themaprogetto.it

Rimani aggiornato su tutte le attività del portale e della rivista THEMA

error: Avviso:Questo contenuto è protetto